Più di noi, gli artisti anglofoni hanno la consuetudine di celebrare il Natale con album dedicati, che vanno a colpo sicuro sul mercato e che arrivano a grandi e piccini col minimo sforzo.
Considerata la passione dei lettori di Radio Tarantula per le liste (il ragno vi segue, eh), una bella lista di dieci classici reinterpretati ci stava bene. Da vari album natalizi, ma non solo.

1: Simon and Garfunkel: “Go, Tell It on the Mountain”

Uno storico spiritual di cui non si contano le versioni. Simon e Garfunkel ne registrarono una versione folk nel loro album di debutto.

2: Bruce Cockburn, “Riu Riu Chiu”

Canzone spagnola del XVI secolo, per le vie infinite del Natale è diventata un classicone anche negli Stati Uniti.
Una delle versioni più belle sta nell’album natalizio di Bruce Cockburn.

3: Jimmy Buffett: “Jingle Bells”

Dal 1857 è una delle hit… ehm, uno dei classici più amati del Natale. Qui in una versione scaldata al sole dei Caraibi da Jimmy Buffett.

4: B.B. King, “Merry Christmas Baby”

Il rhithm and blues non ha soltanto rubato classici natalizi, ma ne ha creati di propri. Questo è di Lou Baxter e Johnny Moore, e B.B. King se ne impadronisce tanto da farla sembrare sua.

5: John Fahey, “God Rest Ye Merry Gentlemen Fantasy”

Canto rinascimentale inglese, che spunta nell”800 in qualche raccolta di “carol”: John Fahey se lo prende e ci lavora su.

6: Big Al Carson, “Santa Claus is Coming to Town”

Probabilmente la conoscete dalla versione di Bruce Springsteen, ma prima di diventare un “must” dei suoi concerti di dicembre, è uno swing cantato da ogni interprete che si rispetti. Qui da un’antologia natalizia di musicisti di New Orleans.

7: Ray Charles, “The Little Drummer Boy”

“Pat-a-pan” nelle canzoni francesi, “Pa-rum-pa-pum-pum” per gli americani: è il suono del tamburo, come in questa “Carol of the Drum”, diventata nel tempo “The Little Soldier Boy”, il giovane tamburino che suona per il bambino Gesù non avendo nulla da portargli in dono. Qui cantata niente-pumpum-dimeno che da Ray Charles.

8: Johnny Cash, “Silent Night”

…o, se volete, chiamatela “Stille Nacht”, o “Astro del ciel”. È forse la prima canzone di Natale che avete imparato, e l’hanno cantata anche i muri. Questo è Johnny Cash in uno dei suoi (numerosi) album di Natale.

9: Eugenio Finardi, “Adeste Fideles”

Questo è Eugenio Finardi, in un album in cui esplora la spiritualità da varie angolazioni. Le sue doti vocali, applicate a una musica meno ribelle, fanno sempre la loro figura.

10: Rod Stewart, “Let It Snow! Let It snow! Let It Snow!”

Rod Stewart che gioca a fare il crooney con un classico natalizio in una versione che sa di carta vetrata (almeno in confronto a Sinatra).